Associazioni ONLUS

Occhiello per il titolo di prova per vedere che cosa succede

Associazioni ONLUS

19 Luglio 2017

Dario Meroni

Le associazioni datoriali sollecitano la riforma della governance di Inps e Inail in un’audizione alla Commissione Lavoro della Camera. I rappresentanti di Confindustria in particolare chiedono di “tenere conto della posizione comune espressa con Cgil, Cisl e Uil” per superare le criticità, a partire dall’attribuzione di competenze distinte a Civ (Consiglio di Indirizzo e Vigilanza), consiglio di amministrazione e direttore generale e dall’applicazione del principio di “leale collaborazione tra gli organi.”

Lavorazione direttamente nella pagina senza dover dividere lo schermo in due.

Anche Confcommercio preme per “affrontare con urgenza la riforma della governance” nella convinzione che “i tempi siano maturi e il modello attuale non sia in grado di rispettare la logica dei sistemi duali.” Mentre da Confesercenti arriva la richiesta di non ridurre il numero di componenti del Civ perché “tutte le rappresentanza soprattutto datoriali devono trovare voce all’interno dell’organismo per gli interessi diversi di cui sono portatrici.” E’ sulla stessa linea Cna, convinta che “una riduzione indebolirebbe la rappresentanza del mondo imprenditoriale e sindacale, cioè degli ‘azionisti di riferimentò, degli Istituti di previdenza e assistenza.” E’ sulla stessa linea Cna, convinta che “una riduzione indebolirebbe la rappresentanza del mondo imprenditoriale e sindacale, cioè degli ‘azionisti di riferimentò, degli Istituti di previdenza e assistenza.” E’ sulla stessa linea Cna, convinta che “una riduzione indebolirebbe la rappresentanza del mondo imprenditoriale e sindacale, cioè degli ‘azionisti di riferimentò, degli Istituti di previdenza e assistenza.” E’ sulla stessa linea Cna, convinta che “una riduzione indebolirebbe la rappresentanza del mondo imprenditoriale e sindacale, cioè degli ‘azionisti di riferimentò, degli Istituti di previdenza e assistenza.” E’ sulla stessa linea Cna, convinta che “una riduzione indebolirebbe la rappresentanza del mondo imprenditoriale e sindacale, cioè degli ‘azionisti di riferimentò, degli Istituti di previdenza e assistenza.”

Multimedia